Olive celline al mirto
search

Olive celline al mirto


Olive celline: l'inconfondibile aroma del Mediterraneo più autentico pronto a far capolino sulla tua tavola e ad accompagnarti in un viaggio gustativo verso la Puglia più selvaggia ed incontaminata grazie al tocco di mirto selvaggio aggiunto a queste straordinarie olive celline raccolte a maturazione ed invasate in una semplice salamoia.

3,53 €
3,75 €
Risparmia 6%


Quantità disponibili: 159

Sconti sul volume

Quantità Prezzo unitario Risparmia
4 3,45 € Fino a 1,20 €
Riferimento
LTP-CAP-CELL-MIRTO
Zona di provenienza
Lecce / Salento
Formato
300 gr
Ingredienti
Olive Celline Di Nardò (62%), Acqua, Sale, Mirto (Foglie), Correttore Di Acidità: Acido Lattico, Acido Citrico.
Varietà di olive
Cellina
Filiera Corta / Km 0
Si
Produttore
Laterradipuglia Conserve

Olive celline al mirto: le olive pugliesi che profumano di Mediterraneo

Deliziose, piccole, nere come l'inchiostro, pastose e carnose al punto giusto, le olive celline sono pronte a trionfare sulla tua tavola. E' il sapore della Puglia che ci piace, quello che ci ricorda le passeggiate il riva al mare, là dove la macchia mediterranea dona al paesaggio un'atmosfera piacevolmente rilassante liberando nell'aria una sinfonia di profumi e di fragranze unica nel suo genere. Queste olive a marchio La Terra di Puglia sono pensate per accompagnarti in riva al mare insieme a noi. Olive, mirto e voglia di sognare. Di cos'altro abbiamo bisogno? 

Sono le olive tipiche del Salento. Come per le olive leccine, queste vengono raccolte nel mese di novembre e lasciate a perdere l'amaro ed a maturare per sei mesi in acqua e sale. Vengono infine invasate in acqua e sale al naturale.Il loro uso tipico è quello di condimento o arricchimento alle verdure cotte, in particolare alle "cicorine" ed alle "paparine", ovvero verdure selvatiche che crescono spontanee in tutta la provincia  di Lecce e non solo. Solitamente le verdure selvatiche vengono sbollentate, passate in acqua fredda e poi ripassate in un soffritto a base di peperoncino, cipollotto e olive, con una spolverata di formaggio a terminare il tutto.Ad ogni modo puoi usare queste olive come meglio credi, anche per dar vita ad un pollo alla cacciatora o altra ricetta.

Ancora, prova a preparare una pasta con le olive nere o un sugo con le olive nere: i tuoi commensali ne andranno matti! 

Olive nere celline: alcune informazioni utili

Sono le olive nere tipiche della nostra zona. Si raccolgono a novembre a invaiatura completata. I contadini le conferiscono nella nostra azienda agricola dove vengono lavate, divise per grandezza, deamarizzate secondo l’antico metodo di deamarizzazione che prevede la permanenza in acqua e sale per 6 mesi. Vengono poi selezionate nuovamente a mano una per una, e invasate in acqua e sale al naturale.

Domande frequenti sulle olive

Chi ha il colesterolo alto può mangiare le olive?

Chi ha il colesterolo alto può mangiare le olive con moderazione, poiché contengono grassi monoinsaturi benefici che possono aiutare a mantenere livelli sani di colesterolo. Tuttavia, è importante evitare le olive eccessivamente salate.

Che olive si usano per l'olio?

Le olive che si usano per l'olio includono varietà come la Frantoio, la Leccino, la Coratina e la Moraiolo, che sono particolarmente apprezzate per il loro alto rendimento di olio e la qualità del prodotto finale.

Che tipo di olive ci sono in Puglia?

I tipi di olive che ci sono in Puglia includono varietà come la Coratina, l'Ogliarola, la Cellina di Nardò e la Cima di Mola, tutte note per la loro eccellente qualità e il loro uso sia per l'olio che per il consumo diretto.

Come si chiamano le olive grandi?

   Le olive grandi sono spesso chiamate olive "Bella di Cerignola", una varietà famosa per le sue dimensioni considerevoli e il suo gusto delicato.

Come si chiamano le olive salentine?

Le olive salentine includono varietà come la Cellina di Nardò e l'Ogliarola Salentina, entrambe tipiche del territorio del Salento in Puglia.

Come si chiamano le olive giganti?

Le olive giganti sono conosciute come "olive Bella di Cerignola", apprezzate per la loro grandezza e il loro sapore dolce.

Come vengono classificate le olive?

Le olive vengono classificate in base a vari criteri, tra cui la dimensione (calibro), la varietà, il colore (verdi, nere, rosse), e l'uso (da tavola o da olio).

Come si chiamano i noccioli delle olive?

I noccioli delle olive si chiamano "endocarpi" o semplicemente "noccioli".

Come conservare le olive celline?

Per conservare le olive Celline, si possono utilizzare metodi come la salamoia, dove le olive vengono immerse in una soluzione di acqua e sale, o la conservazione sott'olio, dopo essere state dissalate e aromatizzate con spezie a piacere.


Prodotti correlati