Orcio di olio in terracotta
search

Olio EVO in orcio in terracotta 250ml


Un olio extravergine di oliva interamente italiano, estratto a freddo con tecniche tradizionali, conservato in un elegante orcio in terracotta smaltata di colore bianco. Ideale da portare in tavola o da esibire in cucina. Perfetto anche come idea regalo. L'olio in esso contenuto è un extravergine di oliva varietà Favolosa.

16,25 €

Scegli il formato del prodotto
Non disponibile


Sconti sul volume

Quantità Prezzo unitario Risparmia
4 14,63 € Fino a 6,50 €
36 14,95 € Fino a 46,80 €
60 14,63 € Fino a 97,50 €
120 13,65 € Fino a 312,00 €
Riferimento
PRIMOLJO-ORCIO
Zona di provenienza
Lecce / Salento
Ingredienti
Olio extravergine di Oliva 100% italiano estratto a freddo da Favolosa Monocultivar
Formato
250 ml
Filiera Corta / Km 0
Si
Produttore
Primoljo

ATT. NE il piattino in foto su cui è poggiato l'orcio non è incluso nell'acquisto solo orcio.

L'orcio è un tradizionale recipiente in terracotta pugliese nel quale si usava conservare l'olio nei tempi passati. L'orcio in terracotta è un oggetto che oggi torna alla ribalta grazie alla riscoperta da parte di innumerevoli aziende olivicole del Salento e della Puglia, che ne hanno fatto un vero e proprio oggetto da collezione. 

Lo ritroviamo dunque su La Terra di Puglia come idea regalo dal piglio contemporaneo che pur tuttavia strizza l'occhio alla tradizione. Un recipiente di fatto senza tempo che è bello donare, collezionare, conservare in bella vista e naturalmente portare in tavola. 

E portare l'orcio che qui vi proponiamo in tavola è davvero un piacere, dal momento che l'olio in esso contenuto è un olio davvero di pregio. Si tratta di un olio extravergine di oliva di un bellissimo verde intenso, dal sapore ricco e rotondo, per nulla invadente e gradevolissimo. Il sentore che lascia sul palato è erbaceo e primaverile. Un olio extravergine 100% pugliese, estratto da un'unica tipologia di cultivar, la "Favolosa". 

Come sapete, la tipologia "Favolosa" è il cultivar che in qualche modo ha rappresentato la svolta in olivicoltura dopo l'epidemia di Xylella che ha flagellato e messo in ginocchio gran parte del Salento e della Puglia. 


Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.